Sergio Cammariere – 2012

Ogni cosa di me

(Musica: S. Cammariere – Parole: R. Kunstler)

Cos’è la vita di un uomo
Se non la può condividere
E quante strade davanti
Dobbiamo ancora percorrere

Ci sono cose che non so
Vissute solo nei tuoi sogni
Ma forse un giorno io ritroverò
Ancora un modo per riaverti qua

Vai dove il vento del nord
Mi racconta di quello che farai
Quando lontano sarò

Vai fino a quando saprò
Se l’amore che ho dato mi darai
E se anche tu mi amerai

Ti dirò ogni cosa di me senza più temere
Che magari tu possa fraintendere queste mie parole
E ti cercherò, ti raggiungerò, prendi i miei sogni ed abbracciami
Tu mi insegnerai che da soli non possiamo stare mai

Ed ora dimmi che cosa
Può definirsi impossibile
Dove la luna si posa
Il sole nasce infallibile

Per questo adesso partirò
Senza una mèta, senza niente
E quante volte ti ringrazierò
Per tutto il bene che mi dai

Ti darò ogni cosa di me senza più temere
Perché so che tu sola mi capirai oltre le parole
Ti darò tutto quello che vuoi non dovrai chiedere
E dal buio la luce ritroverò solo nei tuoi occhi

E ti cercherò, ti raggiungerò, prendi i miei sogni ed abbracciami
Tu mi insegnerai che da solo un uomo non può stare mai
Solo senza te io non vivrei, ma questo tu già lo sai
Dimmi che è lo stesso anche per te se è vero che mi amerai

Lyrics

1. Ogni cosa di me
 

Inevitabilmente bossa

(Musica: S. Cammariere – Parole: R. Kunstler)

Tornerà l’allegria con un vestito nuovo
E quel giorno la mia malinconia
Sarà per te il mio canto
Ci sono tante cose che non mi so spiegare
Ed io che mi chiedevo ma chissà
Se potrà mai durare

Questo di te ricordo, profumo di una rosa
Per me sei l’unica al mondo, sei meravigliosa
Tu rappresenti quello che ancora io non ho
Tutto passa col tempo ma l’amore no

E se un giorno tornerai da me
Con te io capirò cos’è
Quella luce ancora lontana
Che mi riporterà da te
Inevitabilmente non posso farci niente se
Con te, lo vedi, mi arrenderò
A quello che chiede l’Amore
E tu sarai per me la mia verità

E’ evidente lo so, tu mi conosci a fondo
E con te potrei dividere le mille stanze
Di questo mondo
Dividere i miei sogni e liberarli al vento
Un giorno finalmente si saprà
Se è vero quel’ che sento

Amore mio ti voglio

Tu sai quanto ho bisogno
Tu resti l’unica al mondo e nessun’altra dopo
E farò l’impossibile per vivere con te
Tu che sai come prendermi
Non chiedermi perché

E se un giorno tornerai da me
Con te io scoprirò dov’è
Quello che mi fa andare avanti
E mi riporterà da te
Quante strade ho fatto già
Quante ne farò ancora
Tu che nel mio cuore risplendi
Io ti aspetterò
Tutto può finire, ma l’amore no

E ora che tu sei già dentro me
Dolce musa del mio canto
La vita è come un sogno e tu la mia realtà
E canto è canto e nostalgia di quello ch’è passato
Nel sogno e nel miraggio che ci tiene qua

Lyrics

2. Inevitabilmente bossa
 

La mia felicità

(Musica: S. Cammariere – Parole: R. Kunstler)

Sempre c’è qualcosa che non va
Ma vedi prima o poi si aggiusterà
Vieni se davvero lo vorrai
Allora da qualche parte poi vedrai si arriverà
E finalmente ce ne andremo via da qua domani

Sempre se il destino lo vorrà
Andremo dove ancora non si sa
Lontano su quell’isola laggiù
C’è una stella che per noi risplenderà
Ed il mio cuore canterà

Perché lo so che tu soltanto sei per me
Ed io farei qualsiasi cosa per poter’ vivere con te
Dimmi di sì e ti sposerò, domani lo farò perché tu sei la mia realtà
Come posso stare ad aspettare qua
Io non posso perché sei la mia metà
E sono niente senza te che vivi dentro me
E sei la mia felicità

Sempre questo mondo girerà
Amore dimmi almeno che verrai
Un giorno sarà solo per noi due
E allora niente ci dividerà
Sarai la mia felicità

E il cielo che ora vedi è tutto blù
All’improvviso forse cambierà
La pioggia su di noi cadrà

Ma io lo so che tu sarai vicino a me
E non importa davvero niente se mi prometti che ci sarai
Insieme a te continuerò e un giorno arriverò laggiù dove da solo mai
Dimmi ancora che per sempre resterai
Perché so che insieme a te ce la farei
E sono niente senza te che tutto sei per me
E sei la mia felicità

E sono niente senza te che vivi dentro di me
E sei la mia felicità

Lyrics

3. La mia felicità
 

Il principe Amleto

(Musica di S. Cammariere e R. Kunstler – Parole di S. S. Sacchi – liberamente tratta da Vladimir Vysotskij)

Questi miei versi riveleranno poco,
ma non su tutto ho pieni poteri
fui concepito nel fuoco del peccato
dentro al vagito di una prima notte.
Diritto al trono, senza muovere un dito
sono salito, ero un designato,
sapevo già che tanto, tutto quanto,
avrebbe poi seguito la mia volontà
Senza pensare tanto alle parole
gettavo frasi al vento, leggero
come un forte capo, un condottiero
mi seguivano i rampolli di corte.
Ma solo con le labbra sorridevo,
io nascondevo il segreto dello sguardo,
che si fa inquieto che si fa beffardo.
Fu il buffone Yorik che me lo insegnò.

Ma rifiutavo di dividere gli onori
il privilegio, la gloria e ogni omaggio
cambiò la storia quando morì il mio paggio
e fu il disagio che diventò dolore.
Odiai la caccia e tutto il suo furore
tenevo il cavallo lontano dalla preda
nell’urna del fiume io di notte
quel lerciume diurno lavavo in me.
Mi allontanai dagli intrighi di famiglia
estraneo dalla gente e dal mio evo
in mezzo ai libri io mi sotterravo
ma, al pensiero, sempre arriva una smentita.
Nella mia vita si spezzò ogni filo
discese il gelo con gli amici di un tempo
e l”essere o non essere” fu tormento
il dubbio attento che risposte non ha.

Ma sempre frange il mare dell’avverso
con la fionda vi si lancia pietre e semi
poi sulla sponda noi si setaccia l’onda
per vagliare una vana risposta.
Ma l’appello degli avi rimbombava
e a quell’invito io prestai ascolto
i pensieri più gravi mi spingevano in alto
le ali della carne mi hanno trascinato giù
E come tutti ho sparso sangue e lutti
e alla vendetta non seppi dar rinuncia.
Ofelia, non mi volevo putrefatto
ma col delitto mi sono decomposto.
Io, Amleto, la violenza disprezzavo
sulla corona danese io ci sputavo
ma ai loro occhi fu solo per il trono
che uccisi. Per diventare re.

Il genio che si frange è simile al delirio
la morte guarda di sbieco ogni parto,
ogni parte ci porta all’insidiosa risposta
senza trovare il quesito pertinente.

Lyrics

4. Il principe Amleto
 

Transamericana

(Musica di S. Cammariere – Parole di G. Casale)

Notte che è transamericana
Notte di vento e di mattana
Cuore, vorrei che non finisse mai (senti il fuoco)
Notte di ghiaccio e cuba libre
Notte di luna che sorride
Vai, tu balla e non fermarti mai
(Tu) balla e non pensare adesso agli anni che hai
Ogni passo è un canto e io mi amo
E questo asfalto è una spiaggia
Notte che è transamericana
Notte che toglie la sottana
Vai, chi è solo non si perde mai

Quando son partito non ho capito ma son contento di tanto vento
che va a scolpire le mille rive di quel deserto che è intorno a me
Ho tra le mani il mio destino fatto di seta
Toccherò l’oceano e un uomo nuovo diventerò

Notte che è donna che ti chiama
Notte che incontri una gitana
E ride “Che tu sia benedetto, man”(senti il fuoco)
Notte che spazia e che profuma
Notte che tutto mi accomuna
A te, fa’ di me quello che vuoi

Ed il Samba chiamò
Lungo l’argine grande passò
Oltre le luci di San Diego lo rincorrerò
Solo ero sempre da solo così triste e solitario
Ma è già un ricordo ormai di tanto tempo fa
Passo passo a ritmo inesorabile
Ma naturale inebriante (e)lo asseconderò
Non ci pensare continua ad andare leggero, leggero ormai
Se non è un qui pro quo io mi libererò

Guarda la meta è più vicina
Guarda una stella m’indovina
Splende, sta’ con me fin quando puoi
Notte che è transamericana
Notte l’oceano che mi chiama
A sé: fa’ di me quello che vuoi

Samba che mi salvò
Sempre grato a quel samba sarò
Stanotte ho messo il cuore a festa e lo regalerò
Solo, ero sempre da solo, così triste e solitario
Ma è già un ricordo ormai di tanto tempo fa.
Ieri avevo un cuore inconsolabile
Ma non si può spiegare il samba che m’innamorò
Sto per finire, trovare e cantare speranza preghiera e poi
Prendere fiato un po’, che tuffo che farò

Lyrics

5. Transamericana
 

Com'è che ti va

(Vinicius de Moraes – Hermano Silva – Sergio Bardotti – Nini Giacomelli)

Per parlare di noi…
Com’è che ti va?
Come vanno I tuoi occhi
Che non vedo mai?
Come va quel tuo corpo
Su cui sono morto di felicità?

E per parlare d’amore
Dov’è la canzone
Che suonava ogni notte
Nei bar senza nome
Dove noi si parlava
Dove noi si sognava
Ubriachi di noi?

Oggi ancora io parto ogni sera
Per un’odissea
Che cerca un perché
Nei discorsi dei bar
Che di amaro in amaro
Mi portano a te.

E per parlare d’amore,
Di ragioni di vita
Ma perché, dimmi,
Io ti aspetto ogni notte,
E mi immagino già
Com’è che ti va

Oggi ancora io parto ogni sera
Per un’odissea
Che cerca un perché
Nei discorsi dei bar
Che di amaro in amaro
Mi portano a te.

E per parlare d’amore,
Di ragioni di vita
Ma perché, dimmi,
Non la facciamo finita?
Io ti aspetto ogni notte,
E mi immagino già
Com’è che ti va

Lyrics

6. Com'è che ti va?
 

Controluce

(Musica di S. Cammariere – Parole di G. Casale)

Siamo stati da sempre devoti a un refrain
Controluce perfetto – solo silhouette
Siamo stati nell’oro dell’ombra impalpabile
Nel rumore del mondo
Stai su di me resta così non ti perderai
E non lo buttare a chi bara il tuo cuore se no
Lo rimpiangerai

Controluce rimanimi accanto non muoverti
Guarderemo il tramonto e poi
Sentiremo il rumore del mondo spegnersi
Mentre affiora una melodia
Stai su di me resta così quasi immobile
Hai gli occhi degli occhi dell’alba che viene per noi

Fermo il tempo per noi
Fermo il tempo per noi e tu non ci credi
Stai su di me resta così non ti accorgi che
è l’ora di un giorno più dolce che nasce per noi

Nel clamore bugiardo del mondo suona il refrain
Controluce per sempre io e te
Noi sdraiati nell’oro dell’ombra impalpabile
Poi la luce ci inonderà
Stai su di me resta così ora sentirai
La danza segreta dell(e)’anima(e) limpida(e) ormai

E domani qualcuno pensando a noi due
Parlerà di salvezza tra incanto e realtà
In silhouette

Lyrics

7. Controluce
 

Thomas

(Musica di S. Cammariere)

Lyrics

8. Thomas
 

Notturno Swing

(Musica: S. Cammariere – Parole: R. Kunstler)

Luci si riflettono sull’acqua della strada
La strada così lunga sembra non finire mai
Il vento, le foglie, la vita di un giorno che muore
All’ombra di un ricordo che non ricordo più

E tu dove sarai piccola e fragile
Ma io ti vedo bene da quaggiù
Tu che come me cambiavi il mondo con le parole
Che adesso non hai più

E l’ombra del ricordo è l’ombra di un giorno che va
Confusi nel groviglio di possibili mentalità
Il vento, la notte, la fine di un tempo passato
Assolti nel dubbio dal peso del nostro peccato

Bambina siamo esseri occidentali
Figli dei fiori dei mali cantiamo blues sepolcrali

Risposi alla mia strega che era tempo di emigrare
Perché mi ero stancato di star’ fermo ad aspettare
Mi tolsi all’improvviso la camicia e i pantaloni
Correvano i miei sogni tra le polveri del Perù

E tu cosa farai? Starai con me? Oppure no
E tu mi aspetti sempre? Oppure dimmi …
Stai sognando anche tu?

A volte mi sembra che tutto sia solo uno scherzo
Leggero cammino e quasi mi sento normale
Mi sento protetto nel mezzo dello stivale
E se il paese si spacca sicuro nel mare cadrò

Bambina siamo esseri occidentali
Figli dei fiori dei mali cantiamo blues sepolcrali

E se non ti bastano più i numeri
E non trovi le parole
Se la gente non ti vede più normale
Se ti nutri di zanzare e fai l’amore con gli insetti
E tutto questo ti viene naturale
Certamente, amico, tu sei già… nel fosforo spettrale

Lyrics

9. Notturno Swing
 

C'era una favola

(Musica: S. Cammariere – Parole: R. Kunstler)

C’era una favola, favola che poi non era
Favola dentro una storia più vera
Favola scritta da gente sincera
Che non sapeva perché
Questo ho udito e questo vi racconterò
Credimi, ascolta, ne vale la pena
Se vuoi capire di più del sistema
Sai che la favola a volte si avvera
Come succederà qua
Cento giorni e cento notti
Ed oltre chi lo sa

Mi addormenterò nei tuoi sogni volerò
E se troverò del tempo mi ci fermerò
Ma non dirmi che non lo sapevi già
Che tutto se ne va e che fermarlo non si può
Dimmi cos’è, dimmi dov’è
Che tutto se ne andrà
Sempre le stesse
Le eterne e tremule
Parole in libertà

Ma questa è la favola che poi si avvera
Vieni a sentire la fine stasera
Prendi un biglietto in primissima fila
Resta seduto perché
Se non ti vedo penserò
Che non ci credi più

Questa è la favola buona e sincera
Che poi ti libera d’ogni problema
Favola scritta da gente che aveva
Tutto in comune con te
Ma sai che c’è, sai che c’è
Tutto quel che abbiamo non ci basterà

E allora me ne andrò da qui io partirò
Poche cose nel mio cuore so che porterò
E da qui ai cancelli dell’eternità
Tutti lo sanno già che non ci sono verità

Quanti diavoli ho visto rincorrersi là
Dove il tuo mondo finire potrà
Senza sapere nemmeno che cosa ci aspetterà
Dove la tavola è pronta di già
Dove sedersi soltanto potrà
Chi della favola sa quel che io non so

E ora andiamo veloci partiamo da qua
La favola un giorno vedrai finirà
Nessuno di noi potrà andarsene vivo da qua

Lyrics

10. C'era una favola
 

Buonanotte per te

(Musica di B. Martino – Parole di R. Kunstler)

Buonanotte per te
Sorellina che piangi
Da sola come me
Soltanto che non fingi
Sono sicuro che
C’é sempre un giorno migliore
E torneranno per te
Le frasi dell’amore

Buonanotte per te
Sorellina che canti
Lasciamo pure così
Cadere i nostri rimpianti
Ma stai sicura che
Faremo ancora l’amore
E poi, ce ne andremo da qui
Come le rondini che seguono il sole

E dimmelo dove sarai
E quanti giorni dovrò aspettare
E dimmelo se tu lo sai, amore
Io sono sempre da solo perché
Non faccio che pensare a te
E dentro ai giorni miei
Io so soltanto che ci sei, e ci sei

Ma stai sicura che
C’é ancora un giorno migliore
E torneranno per te
Le rondini a volare nel sole

E dimmelo dove sarai
Quando i giardini saranno in fiore
E dimmi che parole avrai, d’amore
Io sarò solo qui, in un angolo, ad aspettare te
Dove dormirai tu
Io vedo il cielo blù
Resta vicino a me
Sarà per sempre.

Lyrics

11. Buonanotte per te
 

Essaouira

Essaouira
(Musica di S. Cammariere)

Lyrics

12. Essaouira
 

© Grandeangelo
 

 
 
previous next
X